Primo Maggio festa del Lavoro: “Quale?”

Hai mai pensato di diventare un regista e sceneggiatore di un film per il cinema o per la televisione?Entra con Noi entra in una Squadra di lavoro.
La Bussola dell’Attore quest’anno 2012, grazie a tre nomi del mondo della comunicazione come il regista Vincenzo Verdecchi e l’autore Giuliano Caputi assieme allo scrittore Veit Heinichen( sua la serie del Commissario Laurenti) metterà in campo un progetto molto ambizioso.
Creare una vera e propria unità di lavoro che parta da una serialità nuova made in NordEst. Fino ad ora le produzioni arrivavano con il loro personale grazie ad un cospicuo rientro agevolato regionale.(per cui non dovrebbero lavorare solo delle comparse e qualche albergo sono soldi da dare al territorio) Oggi vogliamo infatti che il personale e le storie siano prese sul campo. Per farlo dobbiamo cominciare da una vera storia una storia nata …scritta…partecipata qui.
Trieste ha bisogno di lavoro,e questa è un’occasione d’oro. Fare un film muove un mondo, dall’operatore di macchina.al montatore..al camionista, all’elettricista….tutte figure..che spesso costano il doppio perchè fatte venire da fuori.
La creazione di una serialità made in Trieste farà in modo come è successo con altri progetti simili che si sviluppi una “città del cinema“. Degli esempi?
Centovetrine ha permesso la creazione di una piccola cinecittà a Torino creando migliaia di posti di lavoro.
La Squadra ed Un posto al Sole a Napoli e persino Palermo .
Trieste è deputata a divenire tale. E’ inutile far venire personale da fuori, Trieste deve formare qui…il personale e le strutture…dimezzando così i costi delle produzioni.

Inviateci una vostra storia ,con un Vostro curriculum…..stiamo preparando le domande da fare alla regione ed alla comunità europea, per chiedere delle borse di studio per la formazione al dottor Paolo Vidali del Fondo audiovisivo del Friuli Venezia Giulia grazie ad un suggerimento fattoci proprio dalla stessa Film commission di Trieste Fvg nella persona di Federico Poiloucci. Trieste può tornare ad essere un valido aiuto per la cinematografia del centro europa.

Un pensiero su “Primo Maggio festa del Lavoro: “Quale?””

  1. Ho da anni nel cassetto un soggetto (avendo passato insieme mesi e mesi a parlare praticamente di tutto, mi domando come mai non t’ho mai parlato anche di questo); dovrebbe piacerti; non t’anticipo nulla; domani, anzi oggi stesso se trovo un negozio aperto, lo scannerizzo e te lo mando.
    Ciao
    Lamb

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Time limit is exhausted. Please reload the CAPTCHA.